84° CONGRESSO ITALIANO D’ESPERANTO Heraclea (Matera)  26 Agosto -  02 Settembre  2017

© Federazione Italiana d’Esperanto  Via Villoresi, 38  20143 Milano   C.F. 80095770014

12,00 – 13,00 Sede x   Conferenza stampa
Venerdì-Sabato-Domenica, 25-26-27 08 2017
Sabato, 26 08 2017
9,00 - 12,30 Sala Madella Accoglienza dei partecipanti
14,00 - 19,30 Sala Madella  Accoglienza dei partecipanti
15,00 – 20,00 Nel giardino dell’Hotel Heraclea  Annullo postale
17,30 -  18,30 Sala Lasalandra Incontro con i vincitori della borsa di studio FEI
18,30 – 19,30 Chiesa San Francesco di Assisi Via del Lido, Policoro Lido    Messa
Paola Tosato: Danza del ventre Biografia. Dopo aver appreso la conoscenza di danza classica e moderna e di altri generi, si appassiona alle danze orientali, studia danza del ventre per 10 anni e approfondisce lo studio di danza bollywood, di danza zingara turca, di danze del Magreb, di danza indonesiana e recentemente di danza orientale con influenza balcanica. Partecipa a seminari anche all'estero: in Tunisia, in Marocco, in Turchia ed in Ungheria e fa spettacoli in alcune regioni italiane, in alcuni paesi europei e durante molti incontri esperantisti. Ha dato il suo contributo a Concorsi durante i Festival di danza orientale che si sono svolti in Olanda e in Grecia. Tuttora segue corsi e si esibisce sia con la scuola sia come solista. Stasera desidera presentarci 4 pezzi di danza del ventre: il primo è la “Rumba” orientale con il velo, veramente soft; il secondo è la danza orientale classica degli anni '60-'70; il terzo è la danza orientale dei nostri giorni; il quarto e ultimo è “Shaabi”, una mescolanza di danza del ventre e hiphop, veramente energica. Cenni sulla danza del ventre. Le danze orientali nacquero nelle antiche civiltà del Mediterraneo: durante i secoli esse si svilupparono, cambiando la loro funzione a scopo sociale-religioso in forma di solo passatempo piacevole. L'interesse dell'Occidente per questa danza si sviluppò intorno ai primi anni dell'800. I benefici della danza orientale sono sia a livello fisico sia a livello psicologico.
21,30 – 23,00 Sala Zamenhof   Serata di incontro e conoscenza, Danza del ventre
Domenica, 27 08 2017
9,30 – 11,30 Sala Zamenhof    Inaugurazione dell’84esimo Congresso Italiano di Esperanto.          Prolusione dell’ambasciatore Giorgio Novello.
11,30 – 12,30 Sala Zamenhof    Presentazione dei corsi e dei seminari
14,30 – 19,30 Gita di mezza giornata per i non soci della FEI: POLICORO / ANGLONA / TURSI
15,00 – 18,00 Sala Zamenhof  Assemblea della Federazione Esperantista Italiana
15, 00 – 18,30 Sala Lacalendola Corso di base di esperanto (Anna Lowenstein)
Anna   Lowenstein    Scrittrice   di   romanzi   in   esperanto.   Autrice   del   racconto   “La   teoria   Nakamura”,   che   serve   da base   al   nuovo   corso   di   esperanto   nel   sito   “lernu.net.   Da   sempre   si   interessa   di   insegnamento   dell’esperanto. All’inizio   degli   anni   ’80   ha   fondato   e   diretto   la   versione   per   principianti   della   rivista   “Kontakto”   “Contatto”.   Da   16 anni   insegna   l’esperanto   col   metodo   diretto.   Dal   2007   al   2011   lo   ha   insegnato   anche   nel   mondo   virtuale   “Dua vivo”   (“Seconda   vita”),   per   cui   ha   messo   a   punto   il   materiale   che   utilizzerà   nel   corso   a   Policoro.   Collabora   con   i due   gruppi   di   lavoro   che   si   occupano   dei   due   più   importanti   corsi   di   esperanto   in   rete,   quelli   di   lernu.net   e Duolingo.
18,30 – 19,30 SalaZamenhof  Presentazione di libri: Vivo de Homo – Giuseppe Ungaretti (presenta Carlotta Pavese),  Antologia Lucana (presenta Carlo Minnaja)
21,30 – 23,00 Sala Zamenhof  Concerto di pianoforte di Jerzy Dobrzynski e Giorgio Di Nucci.