Benvenuto

Congresso italiano di esperanto

Borse di studio

Frascati

 

22-29 – agosto 2015

Tema del Congresso: Globalizzazione culturale: limiti e prospettive.

——————-

e allo stesso tempo 81° Congresso Internazionale degli esperantisti ciechi (vedi messaggio del presidente della Lega Internazionale degli Esperantisti Ciechi in fondo)

 

SAN BENEDETTO DEL TRONTO

Presentazione video della regione: https://www.youtube.com/watch?v=JlYcnevLPl0

 

Un’oasi di verde con 8000 palme, un mare “Bandiera Blu”, un’accoglienza turistica di primo livello, locali, boutique, cucina e clima da sogno, intrattenimenti per grandi e piccini, sport e un entroterra romantico, eventi culturali, passeggiate e piste ciclabili, arte contemporanea e tradizioni storiche. Tutto questo è San Benedetto del Tronto.

20140522_095030 san benedetto 2Orgoglio della città è il lungomare: progettato nel 1932, nei suoi 4 Km di lunghezza custodisce giardini con migliaia di piante, una pineta, una pista ciclabile, eleganti isole relax, palmizi e laghetti, campi da tennis, fontane e giochi d’acqua, opere d’arte, spazi-gioco per bambini. Il porto di San Benedetto del Tronto, tra i più importanti d’Italia per flottiglia e quantità del pescato, ospita anche un’ampia darsena turistica capace di accogliere centinaia di imbarcazioni da diporto.

La città ha anche importanti testimonianze architettoniche: la “Torre dei Gualtieri”, chiamato dai locali “il Torrione”, è l’emblema storico della città. E’ situato nel Paese Alto, il nucleo abitato più antico, e domina l’intero abitato.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – sport e tempo libero

Chi vuole praticare sport qui non ha che l’imbarazzo della scelta, grazie alle decine di impianti per bocce, tennis, pattinaggio, calcio, atletica, nuoto, fino agli spazi naturali del lungomare, della spiaggia e del mare per praticare pesca sportiva, running, vela, ciclismo, ma anche beach tennis, beach volley e beach soccer, nordic walking.

Per spostarsi in bicicletta la città mette a disposizione ben 14 chilometri di piste ciclabili, la più suggestiva delle quali è quella che si sviluppa lungo i 4 chilometri del lungomare contornata da palme, oleandri e tamerici.

San Benedetto del Tronto dedica una particolare attenzione ai più piccoli: gli spazi verdi attrezzati con giochi sorgono sia nell’area turistica sia nei quartieri, la spiaggia di sabbia finissima, un mare pulito e sorvegliato, un fondale marino dolcemente digradante regalano sicurezza e serenità ai genitori, così come l’area del centro e del lungomare sud interdette al transito delle auto. Tante sono le manifestazioni pensate per loro. Per questo San Benedetto è stata giudicata dai pediatri italiani “spiaggia a misura di bambino”.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO- Arte e cultura

La storia della città è intimamente legata al mare a cui è stato reso omaggio con la creazione del ricco e prezioso “Museo del Mare” che comprende il Museo ittico, dedicato a migliaia di specie marine, il Museo delle anfore, unico nel suo genere, la “Pinacoteca del Mare”, dove sono esposti oltre 180 pezzi tra dipinti e fotografie, il Museo della Civiltà Marinara delle Marche, con oggetti e strumenti utilizzati nei secoli per la pesca, e l’Antiquarium truentino, con preziose testimonianze delle civiltà che abitarono questi territori.

Prestigioso edificio di rappresentanza è la Palazzina Azzurra, simbolo del turismo locale. È stata sede dell’Azienda di soggiorno, tra i più celebri dancing tra gli anni ’60 e ’70 e oggi, dopo un paziente restauro che ne ha recuperato forme e colori originari, è sede di mostre e convegni.

Per l’attività congressistica, spettacoli teatrali, concerti funziona il “Palariviera”, centro con sei sale di capienza variabile tra i 100 e 1000 posti e relativi servizi.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La natura

20140410_085055 - s. benedetto 1Nella parte più meridionale del territorio, al confine con l’Abruzzo, si sviluppa la “Sentina”, oasi naturale di eccezionale rilevanza naturalistica. Costituita da un cordone sabbioso con dune piatte e ambienti salmastri, ospita oltre 400 specie vegetali e dispone di percorsi guidati e punti di osservazione dei tanti uccelli migratori che qui hanno uno dei rari punti di sosta lungo la rotta adriatica. L’Unione Europea l’ha dichiarata ”Sito di Importanza Comunitaria”, dal 2004 è Riserva Naturale regionale.

Il lungomare della città, realizzato negli anni ’30 del secolo scorso, è uno dei più sontuosi d’Italia, arricchito da spazi verdi (pinete soprattutto), impianti sportivi e soprattutto da tante palme di ogni specie.

Nei decenni la città si è arricchita in ogni angolo delle scenografiche piante e oggi si stima che a San Benedetto ci siano circa 10.000 palme, di cui 7.000 su suolo pubblico. Nel 2007 è stata realizzata la riqualificazione della parte sud del lungomare caratterizzata da numerosi giardini tematici che raccolgono piante rare e particolari regalando momenti suggestivi e di pieno svago.

 

 

° ° °

Messaggio del presidente della Lega Internazionale degli Esperantisti Ciechi

Cari esperantisti!

I congressi internazionali degli esperantisti ciechi dal 1921 si sono ssvolti in diversi paesi, ed a volte anche in Italia.
Il Consiglio Direttivo della LIBE (Ligo Internacia de Blindaj Esperantistoj/Lega Internazionale degli Esperantisti Ciechi) ha provato per prima cosa ad organizzare l’81esimo congresso nel quadro del 100esimo Congresso Universale giubilare, ma, purtroppo, in Francia non abbiamo trovato dei collaboratori disponibili ad aiutarci. Tuttavia, come si dice: non ci sarebbe felicità, se non capitassero infelicità!

Ringraziamo di cuore il Consiglio Direttivo della Federazione Esperantista Italiana, che gentilmente ci ha invitati ad organizzare il congresso insieme a loro a condizioni favorevoli nella bella Italia, dove la nostra organizzazione di categoria è bene integrata nel movimento esperantista generale.

Anatolij Masenko,
Presidente della LIBE


by